Il cerchio subliminale di The Ring

The RingPaolo e Bregolas ci hanno segnalato il messaggio subliminale nascosto in questo film.

C’è una videocassetta… se la guardi dopo sette giorni muori…
Verità o leggenda metropolitana? Senza dubbio leggenda…

Quando però, alcuni ragazzi muoiono in circostanze terrificanti senza una causa plausibile, Rachel decide di cercare la verità celata dietro al misterioso videotape scoprendo che lei e le persone che ama potrebbero diventarne le prossime vittime…

The ring… La prima cosa curiosa è che il titolo del film può essere doppiamente interpretato… Infatti, in inglese, " the ring" significa "l’anello" ma viene usato spesso anche per indicare il classico squillo telefonico.

Possiamo cercare numerosi significati per scene differenti che possono essere interpretate in molti modi diversi e che, a mio parere, potevano dare anche qualche idea in più non sfruttata al meglio dagli sceneggiatori.

Un fotogramma nascosto lo troviamo subito dopo la scena in cui un cavallo imbizzarrito si getta da un traghetto rischiando di travolgere la protagonista.

Vediamo l’acqua tingersi di rosso e l’imbarcazione che si allontana. A questo punto, prima che appaia l’ospedale psichiatrico, è nascosto un cerchio di luce…

Ho cercato di dare un senso alla scelta fatta dal regista, ma non mi sono venute idee…
Celare un fotogramma del genere in quel preciso punto della pellicola è, a mio parere e seguendo la logica del film, inutile…
Il cerchio di luce avrebbe dovuto essere inserito in un altro contesto, oppure non essere inserito affatto.

Analizziamo per un attimo alcuni particolari del film.
(Chi non avesse ancora visto il film eviti di leggere oltre…)
Dopo aver sfogliato un quaderno appartenuto alla prima vittima del film, Becky, la protagonista confida a Noah, suo ex compagno, di credere che chi ha guardato la videocassetta riesce a vedere il cerchio prima di morire.

Ho trovato indovinatissimo l’inserimento di questa frase, anche se poco sfruttato.

E’ azzeccatissima l’idea in quanto "il cerchio di luce" che non è altro che l’ultima cosa che gli occhi di Samara vedono quando il pozzo viene richiuso sopra di lei.

Gli spettatori più attenti avranno infatti notato che, mentre la prima vittima non vede nessun cerchio prima di morire, Noah lo vede sotto forma di una macchia lasciata da una tazza di caffè su un giornale… Un’immagine semplice, raffinata ed illusoria, utilizzata al meglio, prima che Samara sbuchi dal televisore per mezzo di numerosi effetti speciali…

Appena intravede il suo sguardo tra i capelli, e prima di morire, davanti gli occhi di Noah ed anche davanti ai nostri, scorrono velocissime una serie di fermo-immagini e purtroppo sono solo alcune quelle che il nostro occhio riesce a distinguere nettamente. Le stesse identiche immagini scorrono velocemenete anche poco prima della morte di Bechy, nipote di Rachel.

Guardandole a rallentatore scopriamo che ognuna di quelle immagini l’abbiamo in realtà già vista. Sono fotogrammi contenuti nel videotape capace di uccidere e sono tutti momenti che hanno fatto parte della vita della piccola Samara…

Lo sguardo di un cavallo… l’immagine di sua madre che si pettina allo specchio… la sua casa… la scala in cima alla quale era costretta a stare isolata dagli altri… l’albero nello spiazzo dove si trova il pozzo… l’unghia che si spezza mentre cerca di lottare per sopravvivere nel buio.

Momenti belli e momenti terrificanti…

Ed arriviamo alla parte finale della pellicola…

Le persone che fanno una copia del filmato non muoiono…
Ho pensato a lungo al finale di questa pellicola… Lo trovavo strano, quasi banale e ridicolo. Poi però un significato plausibile l’ho trovato…

Samara aveva delle capacità che andavano oltre a quelle delle persone comuni, ma che nessuno si preoccupava di comprendere… I dottori la additavano come la bambina che "ha qualcosa che non và" e la famiglia l’aveva allontanata a tal punto da isolarla dalla vita di tutti i giorni sino ad arrivare a decidere di liberarsi di lei…

Era consapevole di fare del male ma tutto ciò che desiderava era essere ascoltata, compresa, amata… La sua unica vendetta poteva essere quella di mostrare agli altri ciò che aveva subito… Costringere le persone a guardare la verità e restarne terrificati al punto da morire… Per questo secondo me, più persone entrano in possesso di una copia del filmato, più lei avrà mostrato al mondo la sua sofferenza…

Come Samara stessa dice… "non vorrei fare del male… però lo faccio… e mi dispiace"
Restiamo in attesa dei vostri pareri e delle vostre interpretazioni…

Kylianne

Per saperne di più http://www.anomalie.741.com/RingMinusOne.htm

Posted in messaggi subliminali visivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*