Calendar Girl

Un pene è raffigurato nella copertina del romanzo calendar girl di Stella DuffyUna sera di qualche anno fa, alla libreria del centro, sono stato colpito dalla copertina nera e verde fosforescente di un libro che poi scoprii essere Calendar girl, un romanzo di Stella Duffy autrice omosessuale.

Guardando la copertina ho subito notato l’analogia che lega il corpo della donna con un pene eretto.
I glutei della donna non compaiono allineati sullo stesso asse verticale, rafforzando l’analogia che li lega a dei testicoli.
Siccome al tempo ero un soggetto molto esposto a messaggi subliminali per via della tesi di laurea che stavo preparando, mi sono chiesto se non iniziassi ad accusare una forma ossessiva di visioni.
Per questo motivo ho chiesto alla ragazza che mi accompagnava che cosa pensasse e che cosa quella figura rappresentava per lei.
Ricevetti la conferma di quello che pensavo, ovvero che il corpo della ragazza, raffigurato in copertina sembrava un pene.
Con un po’ di imbarazzo fermammo una coppia di giovani, a cui chiedemmo cosa vedessero in quella figura; ci risposero: “Non lo dico!” il che mi fece in un primo momento pensare che tutti intuiscono un pene in quel busto di donna, e che quindi si trattasse di un’immagine supraliminale, un immagine cioè che è recepita dalla nostra parte conscia, ma poi, quando dissi la parola “pene” risvegliai in loro una nuova attenzione e capii che con “non lo dico” si riferivano a qualcosa d’altro: il sedere della donna.

Secondo Key le donne sono più soggette a immagini di vagine mentre gli uomini a quelle di peni ciò succede perché ad essere sedotta è la componente omosessuale che è in noi. Se questo è vero, la scaltrezza pubblicitaria è sopraffina, dato che l’ambivalenza della figura può aggiungere efficacia al titolo, già in sé ammiccante, anche per un pubblico maschile, supponendo che l’argomento attiri particolarmente solo il pubblico femminile dato i gusti sessuali dell’autrice..

Posted in messaggi subliminali visivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*