Home Widget 1

This is your first home widget box. To edit please go to Appearance > Widgets and choose 6th widget from the top in area six called Home Widget 1. Title is also manageable from widgets as well.

Home Widget 2

This is your second home widget box. To edit please go to Appearance > Widgets and choose 7th widget from the top in area seven called Home Widget 2. Title is also manageable from widgets as well.

Home Widget 3

This is your third home widget box. To edit please go to Appearance > Widgets and choose 8th widget from the top in area eight called Home Widget 3. Title is also manageable from widgets as well.

Messaggio Subliminale Calvin Klein CK one

Recentemente ho ricevuto del nuovo interessantissimo materiale da Paolo Baroni.

La pubblicità che vediamo qui sotto è la campagna pubblicitaria di Calvin Klein. Inizio ad essere sempre più scettico sull’utilizzo da parte delle agenzie di questi metodi di manipolazione, poiché con la maggiore alfabetizzazione in questo campo dei consumatori, è più semplice scoprire questi inganni mascherati.

Ovviamente non sto dicendo che i messaggi subliminali non funzionano, abbiamo visto che diversi esperimenti confermano l’efficacia del loro condizionamento ma penso che in molti usino i messaggi subliminali come strumento di propaganda e viralmarketing.

L’immagine che ti mostro in questo articolo, rappresenta una pubblicità molto controversa in cui la modella Lara Stone sembra essere appoggiata al vetro dalla quale la stiamo guardiamo (forse dall’interno di un  televisore?)

Il marchio CK appare sulla destra e tutto sembra molto seducente ma stiamo trascurando qualcosa!

Il tavolinetto dietro la modella, appare essere come una “F” e gli altri siti che parlano di questo messaggio subliminale dicono che il reggiseno della modella completerebbe la parola FUCK trasformandosi in una “U”.

Anche senza volere trovare a tutti i costi la lettera “U” la lettere “FCK” richiamano immediatamente nel cervello la parola FUCK.

Bibita Tango Subliminale

Tango messaggi subliminale sulla lattina

Dai ragazzi siamo seri..

Non ve la sarete bevuta davvero, vero?

Non posso credere che si tratti di un messaggio subliminale, questa è l’ennesima trovata pubblicitaria fatta per guadagnare un po’ di visibilità sfruttando il viral marketing.

Ovvero pur di far parlare un po’ di se, c’è chi crea presunti messaggi subliminali su una lattina di aranciata e poi fa circolare la voce in giro. La cosa interessante è che poi ci sono dei furbissimi che pubblicano la notizia aumentando la brand awareness di queste aziende che meriterebbero di rimanere sconosciute.

Comunque per chi non l’avesse capito le iniziali della frase Tango with added Tango formano la parola TWAT che è uno slang americano per riferirsi alla vagina. Andiamo sempre a parare li…

Per maggiori informazioni sul significato della parola TWAT vi consiglio di riferirvi all’Urban Dictionary
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=0q3tYaM8hFo[/youtube]

Sono curioso di avere la tua opinione riguardo l’immagine che ti sto per proporre.
Fammi sapere cosa ne pensi commentando questo articolo..

Prova a vedere se scopri l’intruso nascosto

L’immagine che è riprodotta in questa pagina è parte di uno screenshot di un famoso portale di informazione italiana. Si tratta di un sito di content providing seguito da un pubblico medio giovane.

La grafica tende a sottolineare la tematica del canale, dedicato appunto alle donne.

I contenuti sono a sfondo sessuale con argomenti che vanno dalle posizioni di kamasutra alle regole per avere relazioni sessuali senza coinvolgimenti sentimentali, fino ad arrivare ad i consigli contraccettivi.

Una delle 4 immagini evidenzia un’intruso. Si tratta di un incastonamento.

Riesci a trovarla?

 

Messaggi subliminali nel negozio lacoste

Messaggi subliminali nel negozio lacoste

Ecco un negozio lacoste allestito per i saldi invernali.

Già scommetto che ci sarà qualcuno che mi verrà a dire che e solo una coincidenza e che non si tratti di un meccanismo pubblicitario.

Ovvio non sosteniamo che un’apparato di questo tipo possa avere delle ripercursioni dal punto di vista manipolativo e che si tratti di veri messaggi subliminali, ma.. l’evidenza dell’uso sella parola SESSO nella vetrina è oggettiva.

Si tratta di un modo “simpatico” per attirare l’attenzione?

Di certo non ci scandalizziamo, ma neppure possiamo essere compiaciuto da un allestimento così poco originale.

The RingPaolo e Bregolas ci hanno segnalato il messaggio subliminale nascosto in questo film.

C’è una videocassetta… se la guardi dopo sette giorni muori…
Verità o leggenda metropolitana? Senza dubbio leggenda…

Quando però, alcuni ragazzi muoiono in circostanze terrificanti senza una causa plausibile, Rachel decide di cercare la verità celata dietro al misterioso videotape scoprendo che lei e le persone che ama potrebbero diventarne le prossime vittime…

The ring… La prima cosa curiosa è che il titolo del film può essere doppiamente interpretato… Infatti, in inglese, " the ring" significa "l’anello" ma viene usato spesso anche per indicare il classico squillo telefonico.

Possiamo cercare numerosi significati per scene differenti che possono essere interpretate in molti modi diversi e che, a mio parere, potevano dare anche qualche idea in più non sfruttata al meglio dagli sceneggiatori.

Un fotogramma nascosto lo troviamo subito dopo la scena in cui un cavallo imbizzarrito si getta da un traghetto rischiando di travolgere la protagonista.

Vediamo l’acqua tingersi di rosso e l’imbarcazione che si allontana. A questo punto, prima che appaia l’ospedale psichiatrico, è nascosto un cerchio di luce…

Ho cercato di dare un senso alla scelta fatta dal regista, ma non mi sono venute idee…
Celare un fotogramma del genere in quel preciso punto della pellicola è, a mio parere e seguendo la logica del film, inutile…
Il cerchio di luce avrebbe dovuto essere inserito in un altro contesto, oppure non essere inserito affatto.

Analizziamo per un attimo alcuni particolari del film.
(Chi non avesse ancora visto il film eviti di leggere oltre…)
Dopo aver sfogliato un quaderno appartenuto alla prima vittima del film, Becky, la protagonista confida a Noah, suo ex compagno, di credere che chi ha guardato la videocassetta riesce a vedere il cerchio prima di morire.

Ho trovato indovinatissimo l’inserimento di questa frase, anche se poco sfruttato.

E’ azzeccatissima l’idea in quanto "il cerchio di luce" che non è altro che l’ultima cosa che gli occhi di Samara vedono quando il pozzo viene richiuso sopra di lei.

Gli spettatori più attenti avranno infatti notato che, mentre la prima vittima non vede nessun cerchio prima di morire, Noah lo vede sotto forma di una macchia lasciata da una tazza di caffè su un giornale… Un’immagine semplice, raffinata ed illusoria, utilizzata al meglio, prima che Samara sbuchi dal televisore per mezzo di numerosi effetti speciali…

Appena intravede il suo sguardo tra i capelli, e prima di morire, davanti gli occhi di Noah ed anche davanti ai nostri, scorrono velocissime una serie di fermo-immagini e purtroppo sono solo alcune quelle che il nostro occhio riesce a distinguere nettamente. Le stesse identiche immagini scorrono velocemenete anche poco prima della morte di Bechy, nipote di Rachel.

Guardandole a rallentatore scopriamo che ognuna di quelle immagini l’abbiamo in realtà già vista. Sono fotogrammi contenuti nel videotape capace di uccidere e sono tutti momenti che hanno fatto parte della vita della piccola Samara…

Lo sguardo di un cavallo… l’immagine di sua madre che si pettina allo specchio… la sua casa… la scala in cima alla quale era costretta a stare isolata dagli altri… l’albero nello spiazzo dove si trova il pozzo… l’unghia che si spezza mentre cerca di lottare per sopravvivere nel buio.

Momenti belli e momenti terrificanti…

Ed arriviamo alla parte finale della pellicola…

Le persone che fanno una copia del filmato non muoiono…
Ho pensato a lungo al finale di questa pellicola… Lo trovavo strano, quasi banale e ridicolo. Poi però un significato plausibile l’ho trovato…

Samara aveva delle capacità che andavano oltre a quelle delle persone comuni, ma che nessuno si preoccupava di comprendere… I dottori la additavano come la bambina che "ha qualcosa che non và" e la famiglia l’aveva allontanata a tal punto da isolarla dalla vita di tutti i giorni sino ad arrivare a decidere di liberarsi di lei…

Era consapevole di fare del male ma tutto ciò che desiderava era essere ascoltata, compresa, amata… La sua unica vendetta poteva essere quella di mostrare agli altri ciò che aveva subito… Costringere le persone a guardare la verità e restarne terrificati al punto da morire… Per questo secondo me, più persone entrano in possesso di una copia del filmato, più lei avrà mostrato al mondo la sua sofferenza…

Come Samara stessa dice… "non vorrei fare del male… però lo faccio… e mi dispiace"
Restiamo in attesa dei vostri pareri e delle vostre interpretazioni…

Kylianne

Per saperne di più http://www.anomalie.741.com/RingMinusOne.htm